I video più cliccati, solo su Dikotomiko !


V/H/S 2

Registi Vari

2013

Dai tempi de I Ponti Di Madison County, (più precisamente dall’intensissima manciata di secondi durante i quali Clint Eastwood e Meryl Streep sono fermi nelle rispettive auto al semaforo rosso, ed io ansimavo, bramavo, incitavo, con l’occhio offuscato dalle lacrime, “apri…apri quella cazzo di portiera..”) non vivevo un momento così struggente ed emozionante, così carico di tenerezza da risultare insostenibile. La scena che mi ha gonfiato il cuore è nel finale del miglior episodio di v/h/s 2: Safe Haven, il momento in cui un delizioso cucciolo chiama il suo procreatore “papà…”

pa

A dire il vero c’è un’altro momento topico, di un romanticismo che non può lasciare indifferente neanche il cuore più arido e granitico: uno zombi vagante, preda della sua solita fame atavica di carne umana, riceve una telefonata, fissa lo schermo del suo telefonino di ultima generazione, sul quale appare il nome della sua fidanzata, e ne sente la voce.. esita un attimo, prendendo coscienza della propria condizione irreversibile, si dispera, quindi si spara in testa. Ah! L’amour..

vlcsnap-2013-07-26-10h41m52s57

C’era una volta Creepshow, e c’erano anche I Racconti Del Terrore, Tre Passi Nel Delirio, i più recenti Three e Three Extremes.. V/H/S 2 va ad arricchire il glorioso sottogenere dell’horror a episodi, spesso storicamente uniti da un episodio che fa da collante e filo conduttore, proprio come in questa pellicola.

Clinical Trials è una sorta di versione soprannaturale/cazzona di The Black Mirror, voto 6. A Ride In The Park, diretto da uno dei responsabili di quella schifezza di Blairwitchproject, ci offre il privilegio della Zombivision: la telecamera si trova su un casco indossato dal morticino vivente, ed è uno spasso, voto 8.

E si ritorna a parlare del nostro nuovo amico Gareth Evans, che in coppia con Timo Tjahjanto dirige Safe Haven, viaggio nelle viscere di una setta pseudoreligiosa, che diventa un bagno di sangue e orrore delizioso, voto 9.

C’è anche Jason Eisener, regista di Hobo With A Shotgun: il suo Slumber Party Alien Abduction è tutto nel titolo, se ne sbatte di chi come e perchè, limitandosi a seguire le disperate prede degli alieni. Alieni che a me hanno fatto paura. Voto 8.

POV, found footage, videocassette maligne: ero certo di resistere si e no dieci minuti, ed invece… applausi.

pazzo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...