Nuddu ammiscatu cu nenti


La variabile umana

Bruno Oliviero

2013

va1

Città cupa, piove, quindi è un noir. Poliziotto catatonico, adolescente corrotta, quindi il modello è Scerbanenco.

Wow.

Quante puttanate.

Questo è semplicemente il centesimo inutile, pretenzioso, fastidiosamente moralistico, banale e noioso film italiano. E il fastidio è tanto, perchè dentro la cornice di plastica-noir, dietro la superficie di poliziesco inguardabile, si nasconde (..magari si nascondesse meglio) un pistolotto insulso e oscenamente perbenista sui vizi degli adolescenti italiani.

va2

Le giovanissime escort (wow!)

la cocaina (doppio wow!)

il ricco e famoso milanese che compra e si scopa ragazzine (wow wow wow)

con un tiro di coca e un paio di slip (addirittura!)

Wow, davvero sconvolgente il sottobosco della Milano-bene!

Non può mancare Lady Stereotipa, la moglie arida del ricco, fredda e insensibile, che sa dei vizi del marito ma tace per ignavia e istinto borghese di pigra conservazione dello status quo.

va3

Tutto accade (anzi, nulla accade) sulle tediosissime note di una colonna sonora che andrebbe bene per un film francese del 1976 a caso, ma che è stata composta da  Michael Stevens che ha lavorato anche per Clint Eastwood (wow, quindi).

Il sollievo che di solito ci gratifica al termine di una visione inutile quando iniziano a scorrere i titoli di coda, ci è negato dalla prima vera spietata crudeltà del film: una canzone intera di Gianna Nannini.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...