Welcome to the amazing DisneyWar


Escape from Tomorrow

Randy Moore

2013

Walt Disney, ai tempi del maccartismo, faceva il delatore per la FBI, rovinando la carriera di registi e sceneggiatori accusati di komunismo. E’ tutto vero, leggete qui.

I fumetti ed i film Disney hanno devastato l’immaginario dell’Occidente, il cartoon dei 3 Porcellini, ad esempio, gronda di antisemitismo, razzismo, classismo. E’ tutto vero, leggete qui.

I film animati Disney sono zeppi di messaggi subliminali a sfondo sessuale, devastano l’immaginario dei nostri bimbi che manco i fotogrammi fantasma di Tyler Durden in Fight Club. E’ tutto vero, guardate qui.

bianca_bernie_max

La Disney è il Male Assoluto. Come Mac Donald, solo che puzza di meno.

Detto questo, è noto ai più di quanto Dikotomiko sia attratto dal Male Assoluto, specie se tale Male Assoluto ha consentito l’uscita in sala (negli USA, non in Italia, che pensavate ?) di un film abusivamente girato ad Epcot, uno dei più grandi parchi divertimenti Disney  del mondo.

vlcsnap-2013-10-14-15h18m09s160

Avete capito bene:  un regista, tale Randy Moore, ha girato parti di un film vero e proprio – non un documentario, o un mockumentario – ad Epcot, senza chiedere alcun tipo di autorizzazione alle riprese, poi le ha montato con altre parti girate altrove, e zac, lo ha presentato al Sundance.

Già si aspettava, quel gran furbacchione, gli strali del Maligno, le denunce, le querele,  la trasformazione della sua opera in simbolo pirata della lotta al capitalismo.

Già immaginava, astuto come un cervo, la diffusione web-viral delle scene topiche, gli inviti ai Festival, i premi, la fama e la gloria imperitura.

Invece, niente. Uno scappellotto, una bonaria ramanzina, e la Disney gli permette la diffusione del film, con il solo obbligo di menzionare che il personale del parco non era informato della registrazione delle immagini in atto.

vlcsnap-2013-10-25-15h16m22s100

Nessun clamore, nessuno scandalo, no riots.

In effetti, salvo generiche ragioni di privacy, ad una prima visione non sembra che la Disney sia messa in cattiva luce più di tanto : ci sono le attrazioni con annesse code oceaniche all’ingresso,  gli alberghi multipiano, i pupazzoni, i fast food, i fuochi d’artificio. Vabbè, ci sono anche le principessine in abito succinto che si fanno fotografare e palpare da ricchi uomini d’affari orientali, c’è il junk food, c’è lo stress del desiderio e la brama di appagamento sessuale sottesa  all’universo disneyano, e allora ?

vlcsnap-2013-10-25-15h22m01s122

Tutto il Male è nella mente del protagonista, un ciitadino USA piccolo borghese in vacanza ad Epcot con moglie e figli al seguito. Bianco, 40enne, fresco di licenziamento, bolso e bamboccione, in uno stato di allucinazione progressiva scorge mostri e cyborg nel tunnel del BrucoMela, insegue lubricamente 2 Lolite francesi, si scopa (immagina ?) una divorziata ammaliatrice e rifatta lasciando la figlia in sala d’attesa, offende un uomo su sedia a rotelle, e ancora, mangia come un ossesso, vede tette e mignotte dappertutto

vlcsnap-2013-10-15-18h25m01s237

ed alla fine muore di un virus sconosciuto, per rinascere ricco, felice e con bonazza al seguito.

Un momento, ma questo film non è contro la Disney, è contro il Sogno Americano, e la Disney non se ne è accorta!

Ach, Diavolo di un Moore …

vlcsnap-2013-10-14-15h21m20s248

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...