Sole a Cinque Stelle


Sole a Catinelle

Checco Zalone (ah no, Gennaro Nunziante)

2013

Dove sta scrittu che la musica popolare è solo di sinistra?
Sentita quant’è bella,
uscite dalla finestra
arriva la tarantella dellu centru destra

 
Ho visto Sole a Catinelle domenica pomeriggio, in un cinema di provincia, un monosala da 800 posti, schermo 3D e impianto audio strepitoso, fanculo agli oratori e alle sale parrocchiali. Pochi e infreddoliti spettatori, solo un manipolo di famiglie con bimbi al seguito: l’incauta presenza di bimbi anche molto piccoli, piuttosto che il calo di pubblico fisiologico alla quarta settimana di programmazione, è il Marchio della Bestia, il segno del cinema popolare.

checco zalone brunetta eroe

Evviva Berlusconi e lu capitalismu
Le società per azioni, evviva lu consumismu
Evviva pure Maroni e lu federalismu
Evviva la Carfagna….Evviva la fregna

Il film è solo lui, l’uomo, l’attore, la maschera del comico. Luca Medici, in arte Checco Zalone, semplicemente Checco per i milioni di spettatori che lo adorano a prescindere (“hai già visto il film di Checco ?”). Un fuoriclasse, riempie lo schermo con il suo corpo sgraziato e il suo talento. E’ un cinico naturale, istintivo più che inconsapevole. Non è un icona, ma un grande personaggio, quindi non gli richiedo di rappresentarmi, del resto la posizione di Luca Medici contro il diritto di adozione per le coppie gay lo rende altro da Dikotomiko.

coppia gay con figli

Evviva gli stranieri evviva l’integrazione
Ma solo se so femmine e solo quelle bone

La cattiveria, non l’ingenuità, è la chiave della comicità di Checco, disegnato così da Nuziante, che è regista e sceneggiatore delle cose semplici, furbo quanto basta. Mi piace che Checco sia volgare, razzista, invidioso, rancoroso, egoista. Ne ha per tutti e non fa prigionieri, bambini disadattati e diversamente abili inclusi, e fanculo al cinema italiano (di oggi), affogato nella compassione pelosa, ossessionato dai fantasmi di Sciuscià, dal “questo non si deve, e questo non si fa”.

pinocchio

Evviva lu parlamentu che bella istituzione
Ci vai una volta al mese e ti porti la pensione
Evviva Brunetta persona come si deve
Evviva tutti e sette. Evviva Biancaneve

Checco Zalone ha in comune con Totò la Denominazione di Origina controllata, esprime una comicità locale che esorbita e diventa  nazionale per dinamiche contingenti, a me ignote. Ma Checco non è Totò, Checco è Homer Simpson, un individualista nichilista, potrebbe abitare a Springfiled come a South Park ed esserne il Sindaco, solo che Nunziante non è un rivoluzionario, è un cattolico della porta accanto, quindi sul più bello gli fa indossare la maschera di Forrest Gump. Il buonismo sarà – sarà – la morte del fenomeno Zalone.homer sapiens

Evviva La Russa che sa fare la difesa
E Matteoli che sa fare strade e viali
Evviva Tremonti che sa fare bene i conti
E la Gelmini che sa fare …
Secondo me li sa fare…… cosa? Le riforme

Zalone è l’avanguardia dell’italiano medio. E’oltre il berlusconismo, perché intrinsecamente privo del machismo e dell’ossessione fallocentrica della destra liberal (!) italiana. E’oltre il piddismo e il sellismo, perchè ne ha masticato i clichè e poi ce li ha sputati in faccia.

E allora ?

A nui ci piace lu grembiulu
E lu maestru sulu
Maestriiii
Andassero a fanculu !

E’ grillino ?

2 pensieri su “Sole a Cinque Stelle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...