Los Bastardos


Los Bastardos è un film di impronta sperimentale più che autoriale: vive di camera fissa e tempi dilatati fino allo spasimo. E’ la lezione di  Carlos Reygadas (Japon), di cui Amat Escalante è stato assistente per il celeberrimo Batalla En Cielo, ma è anche la lezione di Ulrich Seidl (Canicola, la trilogia Paradies), che ci sembra superiore ai suoi compari messicani per ironia e  consapevolezza dei mezzi espressivi. Come in una cura Ludovico, l’occhio dello spettatore è costretto a guardare la fissità delimitata dell’inquadratura, senza alcuna via di fuga dallo schermo, la staticità del falso movimento è morbosamente disturbante, rasenta il voyeurismo pornografico, non a caso il sesso, meglio, l’esposizione e l’abuso unsimulated del corpo femminile è una costante in tutti i film sopra citati.

1

Los Bastardos

Amat Escalante

2008

[recensione completa su www.cinemio.it]

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...