L’arte è il sogno


 

michel-gondry

 

Da Spike Jondry a Michel Gonze il passo è brevissimo, in realtà spesso mi è capitato di confonderli. Il trapianto della tecnica registica “videoclippara” nel cinema è uno dei numerosi tratti che hanno in comune.
Eternal Sunshine Of The Spotless Mind, in origine un verso di un poeta inglese del settecento, è molto probabilmente il più bel titolo di film della storia. Scritto da Charlie Kaufman (personaggio che contribuisce ad avvicinare ulteriormente gli universi creati dai signori – ehm… – Jonze e Gondry) è il film della vita, apice che Michel Gondry non riuscirà mai più a sfiorare nei secoli dei secoli. L’incredibile fascino della pellicola, malinconica e calda come una coperta in una serata piovosa d’autunno, è in parte causato da una canzone, interpretata da Beck ed originariamente composta dai Korgis. Iniziamo la passeggiata tra i clip diretti da Gondry, quindi, con un non-videoclip non-diretto da lui, anche se le immagini sono state ricavate dal film, ed il risultato è eccellente.

 

ROMM – Random On line Music Moviements – capitolo 6

continua su filmtv.it

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...