The Zero Theorem, Terry Gilliam.


Più che un manifesto, il film è il lascito testamentario di un uomo terrorizzato, luddista, reazionario, nichilista. E che questi appellativi non vi suonino come una censura, chè gli estremisti autodidatti ci sono sempre piaciuti, e quest’opera ha già sofferto di una censura grottesca, da contrappasso persino, vedendosi rimossa la locandina originale negli States in quanto esibente chiara effigie di deretano maschile, il culo di Christopher Waltz appunto, come sotto

The-Zero-Theorem-Ecco-il-poster

Leggi la recensione completa su Cineclandestino.it

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...