Ad Halloween, adotta un castoro!


Venerdì. Fine settimana. E’ nota la tendenza americana allo sbraco da cottage, quella sindrome compulsiva per cui branchi di giovinastri/e si riuniscono in campagna per devastarsi di sesso, sbronze e nuotate nell’immancabile laghetto limitrofo. Meno nota, forse, è la tendenza americana a vedere pericoli ovunque per cielo mare e terra. Stavolta, signori miei, la minaccia viene dai castori, nella forma degenerata di castori non morti, castori walkers, insomma, castori zombie. Signore e signori, ecco voi Zombeavers.

1

L’origine è il solito fusto tossico, diretto allo smaltimento in una qualche Terra dei Fuochi e invece caduto nel fiume per la negligenza di un incauto camionista. Si incastra tra i legni di una diga castorica e ne fuoriesce un verde intruglio mutageno, che in breve tempo riduce la colonia di industriose bestiole nel tristo stato di cui sopra. L’uomo ha determinato la causa, l’uomo ne pagherà gli effetti, nella fattispecie tre femmine e tre maschi passeranno da infoiati ad ingoiati per terminare in inumati. Prima che i roditori agiscano: tre bianche, amiche di confraternita collegiale, raggiungono quella casa nel bosco per passarci il weekend a riflettere sul senso del vita, così nei primi 10 minuti di film è tutto un parlare di massimi sistemi, un profluvio di shit dick fuck pussy bitch. Se ancora non fosse chiaro l’humus culturale WASP delle protagoniste, ecco che al minuto 13 la più procace si esibisce in un bombastico topless in favore di telecamera, gratuito quanto apprezzato. La loro ricerca della solitudine viene trasformata in brama di libidine dal sopraggiungere dei bianchi boyfriends, inattesi ma udibilmente bene accetti, la birra comincia a scorrere copiosa e gli ormoni si liberano in performanti baccanali notturni. Là fuori ci sono loro, i mostricciatoli nel fiumicciatolo, e presto cominciano ad usare i dentoni per fare scempio di carne, cominciando da un piede qualsiasi, continuando con il barboncino di una delle gaie cheerleaders e terminando in una grande abbuffata di carne umana.

2

Siccome sti castori in animatronic non sono solo carnivori (“Strano – dice uno dei protagonisti – sull’enciclopedia c’è scritto che i castori in USA sono erbivori!”), ma anche zombie, tutti quelli che vengono morsicati finiscono per trasformarsi in zombie full optional, con grandi denti da castoro ed una bella codona a spatola, e cominciano ad aver fame anch’essi, in un gioco al massacro grottesco e progressivamente esilarante, che coinvolge tutta la comunità redneck nei paraggi del cottage.

vlcsnap-2014-10-31-15h07m25s3

Zombeavers, parodia a basso costo sui generi zombie e animali assassini,  non si prende sul serio – come potrebbe ? – e gioca con gli stilemi del genere, con l’esasperazione parossistica già vista nei recenti Sharknado e Piranha 3D. Come è d’uopo, si scommette su chi resterà vivo alla fine del tranquillo week end di paura, ma su questo non intendo dirvi oltre, perché è vero che si tratta di una divertissement gore vintage Troma style (?) ma è anche vero che le scommesse su chi azzanna chi e quando e come sono il bello di questo film, che riserva sorprese anche dopo i titoli di coda.

Zombeavers

Jordan Rubin

2014

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...