Song’e Seul


Solido. E’ un aggettivo molto usato, indica robustezza, compattezza, concretezza, affidabilità. Non brillantezza. Nemmeno genialità. Detto per il cinema, un film è solido quando fa diligentemente il suo dovere, performa secondo le aspettative sviluppando una buona sceneggiatura su argomento a tinte scure terminante in un approdo coerente. I film coreani, quando non sono eccezionali, lo sono. Solidi. Thriller coreani? Solidi. Horror coreani? Solidi. Gangster movie coreani? Solidi. Poi arriva un poeta coreano contemporaneo, Ha Yoo, che è pure regista e mischia un solido gangster movie con uno struggente melò, ottenendone A Dirty Carnival, un film…contaminato? Eclettico? Definitivo? Mi sfugge l’aggettivo, aiutatemi voi.A Dirty Carnival4

Continuate a leggere qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...