Norte, come Predappio e Braunau Am Inn. Fine della storia.


La storia è terminata a Norte, la fine è cominciata a Norte. Perchè a Norte è nato Ferdinand Marcos, dittatore fascista che ha messo le Filippine in ginocchio. Norte è un posto tranquillo, pacifico, di una bellezza che trasmette serenità. Eppure il potere qui ha le mani feroci e pericolose, e al potere ci sono ancora i due figli e la vedova di Marcos. Quel che resta della società filippina, compromessa dalla pesante eredità della dittatura, è osservato dalla lente di Lav Diaz, per il quale un cinema privo di compromessi è parte essenziale del processo rivoluzionario, con un’opera dalla bellezza ipnotica che dura soltanto poco più di quattro ore, quasi un cortometraggio per i suoi standard. Norte è anche un film a colori. “Troppe concessioni al mainstream”, avrà pensato qualche suo fan ortodosso fuori di testa. “E’ la volta buona che provo a guardare un film di Lav Diaz”, ho invece pensato io.

norte levitation

Il plot è ispirato a Delitto e Castigo, che è sempre una scelta ambiziosa e rischiosa, ma Dostoevskij è da sempre lo scrittore preferito di Diaz; il suo film d’esordio si apriva proprio con una citazione di zio Fedor. Fabian è il Raskolnikov filippino, sorta di radical-chic irrequieto e spocchioso, che sputa teorie pseudosovversive ed è sempre indebitato. Una di quelle persone che vuoi fare a pezzi dopo cinque minuti che le conosci, una di quelle persone che la fanno sempre franca pur commettendo qualsiasi crimine efferato, che hanno il culo parato, e che insomma diventeranno probabilmente dirigenti politici a breve. Joaquin è l’uomo buono e semplice, che arranca sia economicamente che fisicamente, ha infatti una gamba ferita in modo grave, e deve sempre soldi alla stessa usuraia di Fabian. L’unico scopo della vita di Joaquin è quello di provvedere alla vita della sua famiglia. Non è capace di fare del male, personaggio talmente puro che per un attimo nel film lo vedremo trascendere il suo corpo, in sogno. O forse no.

norte macerie

Diaz mette in bocca al frustrato Fabian anche parole sue, in mezzo alle tante: “la nazione è un mito”. Joaquin per vivere vende anche dvd pirata: in un intervista Lav rivela di essere un sostenitore entusiasta della pirateria, grazie alla quale, dice, con un dollaro puoi comprare per strada Aurora di Murnau o i film di Tarkovskij: la pirateria è quindi parte attiva e integrante del processo di rivoluzione culturale. Cambiare il modo di pensare e vedere del popolo filippino è infatti la ragione principale per la quale Diaz realizza i suoi film.

norte1

Le riprese statiche, con inquadrature che sembrano studiatissime in ogni micro e macro dettaglio, i movimenti di macchina quasi impercettibili, lentissimi ma tesi come sguardi di allerta, sono spezzati da riprese aeree instabili, rumorose e vorticose, nelle quali il vento e il mare sembrano urlare. In queste riprese la gravità è minacciosa, l’equilibrio precario, e l’impressione è che si possa precipitare da un momento all’altro: sognare e volare è impresa ostica, faticosissima e rischiosa.

norte spiaggia

Viene in mente Bresson, non solo per lo stretto rapporto con Dostoevskij: i due hanno lo stesso tipo di sguardo sull’umanità, e Lav Diaz, almeno in questo che è l’unico suo film che ho visto, sembra Bresson che gira con lo stile di Paul Thomas Anderson. Omicidi e stupri avvengono fuori campo, ai margini, nelle stanze accanto. Proprio come le prese di posizione, antifascista e antifondamentalista: sembrano braccia invisibili che reggono le inquadrature, ma entrambe sono fortissime, come i momenti drammatici del film.

 

Norte, The End Of History

Lav Diaz

2013

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...