Prova a stare tu un altro inverno nel Nebraska


Nebraska. Prima di essere uno stato è un disco, e prima ancora un’immagine, una foto scattata negli anni settanta: la sua copertina, fredda, minacciosa, desolata, infinita e invincibile come l’inverno nel Midwest, nient’altro che una linea che sta lì a dividere la terra dal cielo, immobile.

disco

Nel 1850 quella terra era ancora più dura, tanto dura da spezzarcisi la schiena nel tentativo di cavarci qualcosa: non era esattamente una vita facile, quella dei pionieri. Ma essere le mogli dei pionieri, ed essere semplicemente donne, era un compito ancora più duro. Talmente duro da perderci la testa. Il freddo, il nulla scosso dal vento tutt’attorno, i mariti che le violentavano per una vita, la difterite capace di uccidere i figli appena nati.

locand

The Homesman è la storia di tre donne (quattro nel romanzo di Glendon Swarthout da cui la sceneggiatura è tratta) che hanno abbassato le persiane nel proprio cervello, rifugiate nel buio della follia, sconfitte e perdute. E’ anche la storia di un’altra donna, Mary Bee (una Hilary Swank splendidamente rigorosa), più forte di tutti gli uomini,  che infatti ne hanno paura e fuggono di fronte alle sue pragmatiche avances. Sarà lei a prendersi cura delle tre donne, e ad attraversare lo stato per portarle nel civilizzato Iowa, dove possono ricevere una assistenza degna di tal nome. Ma lo farà in compagnia dell’unico uomo che acconsente a scortarla, non esattamente di sua spontanea volontà.

tommy

Questo è un film western perchè, come ha dichiarato Tommy Lee Jones, “ci sono i cavalli e i cappelli tipici” e addirittura gli indiani. E’ un road-movie, che segue il viaggio a bordo di un carro (anche se sembra più una prigione su ruote) della stramba compagnia verso est, in un ribaltamento del più classico dei viaggi western. E’ anche un buddy-movie, con i due protagonisti così caratterialmente e antropologicamente antitetici e distanti, che durante il viaggio progressivamente si avvicinano: è la sera, prima di addormentarsi davanti al fuoco, con le tre donne incatenate al carro che li osservano o forse no, a favorire gli scambi verbali, i sorrisi, la fiducia.

lui e le tre

The Homesman è anche una black comedy, grazie al personaggio di Tommy Lee: George Briggs, nome peraltro improvvisato alla bisogna, un impavido solitario dalle movenze e dall’aspetto cartoonesco, sempre pronto a biascicare battute beffarde e a sbandierare la sua misera indipendenza. Cinico, misantropo, inafferrabile e disilluso come lo è tutto il film. Che è anche qualcos’altro, perchè le mille anime di The Homesman cozzano stridono e ululano tra di loro, incorniciate da riprese di un’eleganza esagerata, e il risultato è strano, straniante, stranissimo.

H_20130419_8652.tif

Crudele e scioccante, attraversato da echi inquietanti come una ghost story di Le Fanu, con frammenti che arrivano a lambire l’horror: dieci secondi in particolare, che ci crediate o no, sembrano una inconsapevole citazione di Takashi Miike, (e non un Miike qualunque: Imprint, una delle cose più estreme che abbia mai girato) e quando un barlume di speranza e sentimento fa capolino, viene subito preso a calci e seppellito con un sarcasmo rancoroso e disincantato. The Homesman è ulteriormente arricchito dalle apparizioni, brevi e perfette, di James Spader e Meryl Streep, e si chiude con un finale feroce, ferocissimo, ghignante: l’equivalente di uno sputo in faccia. A chi o che cosa, scopritelo da soli. Capolavoro, capolavoro, capolavoro.

Congregation gathers down by the riverside
Preacher stands with his Bible, groom stands waitin’ for his bride
Congregation gone and the sun sets behind a weepin’ willow tree
Groom stands alone and watches the river rush on so effortlessly
Lord, and he’s wonderin’ where can his baby be
Still at the end of every hard earned day people find some reason to believe

 

The Homesman

Tommy Lee Jones

2014

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...