Strigoi: Ceausescu è vivo e morde insieme a noi


Uno si spezza la schiena per scavare una buca e seppellire il cadavere di un parente, magari piangendo. Torna a casa triste, stanco e imbrattato di terriccio, e ci trova il defunto seduto a tavola che sta mangiando l’impossibile. E dopo aver svuotato il frigorifero, viene pure spinto dalla sua fame insaziabile ad azzannare il congiunto, ossia l’esausto e incredulo scavatore di tombe inutili. Questa è ingratitudine bella e buona, altrochè. Ingratitudine diabolica, che diamine. Bizzarra anche, ed irritante. Weirdissima, pura WhatTheFuck. Proprio come questo film britannico, Strigoi, che attinge alla mitologia vampiresca di Romania, diretto da Faye Jackson e girato in Romania con attori romeni che parlano in inglese (!), tutti con evidentissimo accento romeno. La valanga di stranezze che arricchiscono questo oggetto filmico strambo inizia dalla musica posta sui titoli di testa, Spirit In The Sky (1969) di Norman Greenbaum (proprio quella che Doctor And The Medics avrebbe riportato al successo quasi 20 anni dopo), sulle cui note vediamo ballare gli abitanti del villaggio rurale che saranno protagonisti della vicenda.

strigoi poster

Non è l’unica scena di ballo, ce ne sono almeno altre due che piombano sul set come gavettoni improvvisi durante la pennichella pomeridiana d’agosto. Non mancano scambi di battute assurde e dialoghi talmente incredibili (nonchè ricchissimi, si parla tanto in Strigoi) da rendere impossibile l’interruzione della visione, nonostante la non eccelsa qualità del film nel suo complesso. La storia ha come protagonista Vlad, che dopo una fallimentare esperienza in Italia torna nel suo villaggio di campagna e ci trova la morte sospetta di un suo vecchio amico. Sarà l’inizio di una lunga serie di scoperte lugubri cattive e terrificanti, scandite da un black humour assolutamente weirdo e una galleria di personaggi allucinanti. Vampiri e proprietari terrieri, comunisti ed ex-comunisti, contratti di vendita: questi elementi hanno tutti lo stesso identico peso, intendo dire che si parla davvero TANTO di vampiri QUANTO di contratti di vendita.

strigoi2

E pure i vampiri sono strani, rispetto ai nostri parametri pop. Lo Strigoi è una figura mitologica che la tradizione orale ha trasformato in vampiro nel corso del tempo: originariamente erano le anime in pena indegne di entrare nel regno dei morti. Si nutrono principalmente attaccando quelle che in vita erano le persone amate. Nel film in realtà continuano a sfruttare i loro concittadini come facevano da vivi con gli affitti troppo cari e la gestione corrotta del potere. In una delle scene più esilaranti una donna si ritrova uno Strigoi affamato in casa, e si affanna per mettergli sotto gli occhi tutto ciò che di commestibile riesce a trovare in casa, per evitare di diventare cibo a sua volta. La Romania è nota per la sua fertilità in ambito vampiresco: nel paesino di Marotinu de Sus operava una squadra di cacciatori di vampiri, ancora nel 2004, arrestati dopo aver disseppellito un cadavere per asportargli il cuore e bruciarne i resti.

strigoi3

E nel film i richiami a queste storie sono dirette citazioni, se non ricostruzioni fedeli. I vampiri sono anche un po’ zombi nella pellicola della signora Jackson, e non sono necessariamente tramutati in vampiri per sopraggiunto morso infetto: Strigoi si può pure nascere. Ovvii e divertentissimi i riferimenti politici: il sepolto che torna a tormentare i cittadini somiglia troppo alla figura di un dittatore, la cui eliminazione non basta a risolvere problemi che torneranno a presentarsi ciclicamente. E il nonno di Vlad è una supermacchietta, sorta di Monicelli drogato, sempre a inveire contro comunisti e zingari, anche quando gli sparisce l’ultima sigaretta!

When I die and they lay me to rest
Gonna go to the place that’s the best
When I lay me down to die
Goin’ up to the spirit in the sky

Strigoi
Faye Jackson
2009

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...