John Wick. Un consiglio da amico a Keanu Reeves


Voi non lo sapete, ma il mestiere più duro del mondo è l’icona. Te ne stai là, a sorridere dai manifesti, otaria anoressica su una tavola da surf, burattino appeso a corde invisibili, il bel visino orientaleggiante in motion capture sfiorato da proiettili digitali, te ne stai là inerte e tutti ti acclamano, è arrivato il Salvatore!, dicono, il nuovo mondo è qui!, sei tu il Profeta!. Tu, cyberprete con lo spolverino nero come il carbone.Tu, KeaNeo Johnny Utah Mnemonic Reeves.

keanu_reeves_wallpaper_51

Facevi l’icona di professione, cavalcando l’onda  del nuovo millennio con i cd nella testa, mangiando pillole con uno spinotto infilato nel cranio, all’epoca manco c’era il wi-fi. E come icona sapevi il fatto tuo, deficit espressivo elevato a ieraticità, movenze goffe vendute come gesti solenni. Poi il millennio si infranse, il mondo venne giù e nulla fu più come prima, perché l’inquinamento della memoria corrode anche le icone d’oro, figuriamoci quelle di bronzo. Allora tu, buon vecchio buon KeaNeo, ti defilasti, trafitto nella vita da un’incredibile serie di sfortunati eventi, ma l’icona che era in te non volle saperne di languire nell’obsolescenza, volle risorgere sotto altre spoglie, ed eccoti, tu che in torrent download avevi imparato tutto del kung fu, eccoti a parlare mandarino e a sapere tutto del Tai Chi, chiedendo rifugio alla grande icona del dragone, ma niente, flop e oblio.

keanu bold

Eccoti ancora chiedere aiuto alle icone marziali del Sol Levante, ai 47 Ronin come un 47 morto che parla, niente ancora, ilarità e compassione. Quando ogni speranza era persa, qualcuno dal club delle vecchie icone ti telefonò, ehi KeaNeo, visto Denzel Washington? visto Liam Neeson ?, visto Tom Cruise? Dai, si può fare, torna in pista, la gente va matta per i vendicatori baby pensionati. In un attimo accettasti, l’attimo dopo eri già sul set, e oggi sei John Wick, the Wick Man. Un serial killer, niente di più e niente di meno, ovviamente il migliore sul mercato, che maturati i contributi si ritira e prende casa e famiglia, ma la mogliettina muore subitanea di male incurabile, e allora il pluriomicida, tenero inconsolabile come un grissino, riceve dalla de cuius un cucciolo spedito via Amazon, chè uno può anche morire ma prima deve completare le sue transazioni on line, ed ecco lì la speranza, il quadrupede da accudire. Per uno, due giorni, finchè i nuovi mostri gli entrano in casa e glielo ammazzano per rubargli la Mustang, che vuol dire cavallo selvatico americano, in altre parole gli ammazzano il cane per rubargli il cavallo. E chi sono sti nuovi mostri? I russi, gli spietatissimi caimani del Volga, che durante la Guerra Fredda erano criminali assassini comunisti ed oggi sono criminali assassini capitalisti, loro, i Russi, il male più amato dagli Usa, altro che 2 beduini qualsiasi.

john-wick-poster-Keanu-reeves

C’è chi, compiti gli anta, si lascia stregare dal bodypainting, invece John Wick è pazzo per il bodycounting, li ammazza tutti ma proprio tutti tutti tutti, coreografato da un regista stuntman che ha in testa Gareth Evans e The Raid, ma. Un ma grosso quanto una casa. Ma John Wick sei tu, caro KeaNeo, già eri statico da giovane, ora da non più giovane sei immoto, una statua iconica, quindi fai il tuo lavoro da remoto e da fermo, sono le falangi nemiche a correre verso di te, e tu, piedi piantati a difesa della tua mattonella, ti profondi in profluvi di colpi, a tutti doni un colpo in faccia, manco fossero dei walking dead. Fino all’ovvio epilogo ascensionale, lo scontro finale contro il Re dei Re della mala,  anche lui attempato e sanguinario criminale, uno contro l’altro affannati e accasciati a terra, lo ammazzi e muore lui con tutti gli ex-Sovietici,  perchè John Wick trionfa e adotta pure un nuovo randagio.

Caro KeaNeo, non so se il tuo sforzo sarà premiato, non so se gli 80 milioni di dollari incassati da questa boiata pensata male e girata peggio ti trasformeranno in una nuova icona della mezza età sanguinaria. Io ti capisco, ti seguo e continuerò a volerti bene per quello che davvero sei:un grande, enigmatico punto interrogativo.

keanu-reeves-linklater

Annunci

Un pensiero su “John Wick. Un consiglio da amico a Keanu Reeves

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...