Muccino vs Maciste? No, Ash vs Evil Dead!


Saremmo tentati di dire la nostra sul Mein Kampf di Gabriele Muccino. Potremmo scrivere un post ed intitolarlo Vi Meritate Gabriele Muccino, poi metterci lì a fare refresh per compiacerci dell’impennata priapica delle visite al blog. Lo faremmo, davvero, ma le chiacchiere stanno a zero, urge parlare di corrusco cinema in corrusca televisione. Ci sono tanti modi per fare cinema in televisione. Si può restare autoriali, senza perdere la tenerezza. Oppure votarsi alla serialità con malcelata insofferenza. Oppure ancora, percorrere strade incognite, in cui la dimensione finzionale incontra la ricostruzione documentale. I pionieri, poi, cambiano verso, originando dalla tv i film per il cinema. Soderbergh, Fincher, Campion, del Toro, Padilha, Wachowsky, Shyamalan, Sollima, solo per citare alcuni tra i più fulgidi esempi di transumanza dal grande al piccolo schermo. Poi arriva Raimi, ed è subito rivoluzione. Raimi è l’unico che può permettersi di utilizzare le restrizioni della censura come manifesto teorico programmatico: adult content, adult language, brief nudity, graphic violence, strong sexual content si legge sullo schermo in fase intro, ed è appunto solo l’inizio dell’apoteosi, delle 10 puntate che tutti aspettavano da 30 anni: Ash vs Evil Dead, e sia giustizia per tutti.

ash vs evil dead

Continua a leggere qui.

Annunci

2 pensieri su “Muccino vs Maciste? No, Ash vs Evil Dead!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...