By the Sea, di Angelina Jolie Pitt. Le conseguenze dell’amore, all’origine del male.


Angelina e Brad sono unici al mondo in quanto coppia, capaci di agire su differenti asintotici piani di comunicazione, di dimidiarsi e ricongiungersi alla bisogna mantenendo inalterata la brand promise del marchio di appartenenza, sia esso espresso nelle parole asettiche notarili Jolie-Pitt, sia nel sincretismo azzeccatissimo Brangelina di nuovo conio. Bellezza certo, poi talento, cosmopolitismo, filantropismo, laicità, questi i valori associati al marchio. Straordinari attori agenti sulla loro stessa carne per generare una famiglia di fatto e multilivello. Testimonial di diritti umani, espressioni essi stessi di diritti umani crossgender attraverso l’educazione dei figli. Corpi concupiti dai paparazzi d’ogni dove, mai trasformati in carogne da gossip. Coppia-famiglia-marchio quindi azienda, evidentemente presieduta da Brad, efficientemente diretta da Angelina. Esempio fulgido di marketing e comunicazione delle idee soprattutto, precipuamente nei momenti di ambasce, con i due a progettare ed attuare strategie di crisis management che dovrebbero esser insegnate nelle università.

Mi riferisco alle operazioni preventive cui lei si è sottoposta per scongiurare l’ereditarietà del male, per controllare e prevalere sull’attacco cancerogeno, e lui dietro di lei con lei per lei in tutto: la malattia non minaccia lei, minaccia noi, ha detto Brad, non c’è stata nessuna vanità della sua scelta di operarsi, lo ha fatto per il bene ed il futuro della nostra famiglia, ha detto Brad, mai pensato che lui mi vedesse o sentisse meno donna, ha detto Angelina. La costruzione di un racconto in itinere, la vita insieme, il futuro, la speranza, lo yes we can tradito da Obama qui nella più fulgida applicazione microcosmica, occidentale, progressista. L’inizio di questa racconto fu un film insieme, Mr e Mrs Smith che li unì malgrado terzi in causa. Oggi, 10 anni dopo, di nuovo insieme consapevolmente in un film, By the Sea, diretto da lei interpretato da loro. Uno scrittore americano di nome Roland (Pitt), insieme a sua moglie, Vanessa (Jolie Pitt), arriva in una tranquilla e pittoresca località balneare francese nel 1970. Quando la coppia in crisi comincia a passare del tempo insieme agli altri viaggiatori, compresi i giovani sposi Lea (Laurent) e François (Poupaud), e la gente del posto, Michel (Arestrup) e Patrice (Bohringer), si rende conto di dover fare i conti con questioni irrisolte della loro vita. In Francia Angelina ebbe contezza dei segni del male dentro di lei. La Francia, polo magnetico della cultura Usa, da Henry Miller a Richard Yates in letteratura e da Irma la Dolce a Frances Ha nel cinema, come se Oltralpe fosse ubicata l’Arcadia dei sentimenti, da ritrovare, da preservare da risuscitare. Un’interpretazione finzionale per celebrare due lustri di unione reale, sembra di trovarsi nel territorio preferito da Richard Linklater, sembrerebbe materiale per la coppia Ethan Hawke – Julie Delphy, amanti di celluloide nella ventennale trilogia dei Before (Prima dell’Alba, Prima del Tramonto, Prima di Mezzanotte), ma qui si va oltre, è la metacelebrazione del verosimile, del verosimigliante. Jolie in quanto regista ci incuriosisce assai, dopo un apprendistato difficoltoso sembra arrivata alla piena maturità attraverso la catarsi della visione intimistica. Jolie e Pitt in quanto attori, invece sono un dogma: perfetti, carismatici, immortali.

by the sea

By The Sea sarà distribuito nelle sale italiane a partire dal 12 dicembre: occasione unica per celebrare un amore, il loro amore, il nostro amore, e per vedere ancora sul grande schermo quella che, tra vent’anni, forse più, forse meno, sarà magnifica Presidente degli Stati Uniti d’America.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...