The Lady In The Car With Glasses And A Gun. Sempre sia lodato.


Da diversi anni ormai, il numero di Nocturno che contiene lo speciale “Incubi e Visioni” è un testo sacro per noi (da molto prima che finissimo a scriverci su) e dovrebbe esserlo o diventarlo anche per voi. Dieci, venti, cento visioni necessarie e invisibili, sconosciute e da recuperare, sfuggite ai radar o sottovalutate, ogni anno così, sempre. E’ ancora in edicola il numero che contiene Incubi e Visioni 2015-2016, ed una delle prime perle che abbiamo pescato è un noir francese, del quale Davide Pulici scrive “un polar straordinario, per estetica, stile, atmosfere e per l’uso dell’eroina protagonista, la rossa fiammeggiante Freya Mavor”. Infatti. Perchè magari qualche difetto ce l’ha pure questo film, ma ha il pregio fondamentale di farci innamorare subito della protagonista, perdutamente. La Dame Dans l’Auto Avec Des Lunettes Et Un Fusil, di Joann Sfar. Ovvero, la versione retrò-pop del cinema della coppia Cattet-Forzani.

the-lady-in-the-car-with-glasses-and-a-gun

Freya è un’attrice e modella scozzese che ha lavorato in tv e (ancora) pochissimo al cinema. Un viso, uno sguardo e un corpo che Brian De Palma avrebbe inserito all’istante in Femme Fatale, se l’avesse conosciuta. E se Freya non avesse avuto all’epoca l’età di 9 anni. Adesso ne ha 23 e nel suo futuro prossimo ci sono parecchi squali di Hollywood e il successo planetario. Noi intanto ce la godiamo in questo piccolo grande film diretto dal fumettista di Nizza Joann Sfar, evidentemente infatuato anch’egli da Freya al punto da disegnare il film attorno ai suoi occhi, alle sue lunghissime gambe, al suo vestitino cortissimo.

lady2

Dany è una segretaria parigina, bella e ingenua, triste e sognatrice, che non dice mai di no al suo boss. Neanche quando le chiede di lavorare tutta la notte a casa sua per consegnare un rapporto al mattino. Neanche quando le chiede di accompagnarlo all’aeroporto, e di riportare a casa la macchina. Non una qualsiasi, una Ford Thunderbird. Dopo aver salutato il boss e la sua consorte – non una consorte qualsiasi, ma Stacy Nymphomaniac Martin – Dany non prosegue per Parigi, avventurandosi verso sud perchè

non ho mai visto il mare

lady3

dando il via ad una sorta di deragliamento bizzarro, ad una inattesa e inspiegabile serie di eventi che diventa sempre più frenetica e intricata man mano che procede, mentre la psiche di Dany barcolla sempre più, ostaggio di un trattamento Polanskiano che la spinge sul baratro della disperazione. Split-screen, musica prepotente e orgogliosamente retrò, estetica 60/70, flashback, visioni estemporanee, montaggio dai ritmi psichedelici. Una gioia per gli occhi, punto. Ma una gioia enorme, vicina all’universo del quale fanno parte Amer e The Strange Color Of Your Body’s Tears. Lo stile più che la sostanza, certo. Ma è uno stile che arriva al cuore e non si ferma agli occhi. E’ amore per il cinema e per la sua eroina.

lady5

Possiamo anche aggiungere che la sceneggiatura è debole, semplice e priva di guizzi originali. O anche che la presenza di Elio Germano rischia seriamente di rovinare tutto (perdonami Elio, lo sai che ti voglio bene e ti affiderei le chiavi di casa, ma finora solo Sollima è riuscito a farmi accettare la tua presenza in un film senza soffrire).

lady6

Ma noi, invece di elucubrare sulla possibile soluzione della vicenda, durante la visione eravamo intenti a smarrirci negli occhi di Dany, che spesso si ferma a guardarsi riflessa in uno specchio, scrutandosi dentro alla ricerca di risposte. Risposte che non hanno nessuna utilità, quando si può godere di una visione così sensuale e appagante. Ma noi siamo vampiri privilegiati, nascosti dall’altra parte dello specchio, intenti a succhiare e rubare l’anima alla splendida e indimenticabile Dany.

Sempre sia lodato il dio del cinema.

lady7

You hit me just like lightning
Knocked me out of my chair
You got me down, baby
I’m down with a love attack

 

Advertisements

2 pensieri su “The Lady In The Car With Glasses And A Gun. Sempre sia lodato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...