Parade, il Circo di Tati in DVD


Era il 1974, e Jacques Tati per il suo ultimo film (su commissione della televisione svedese) porta la macchina da presa nel circo. E’ lui stesso ovviamente il maestro di cerimonie, circondato dai clown, dai giocolieri, dai contorsionisti e dagli acrobati. I numerosi spettacoli offerti però non sono meno importanti del pubblico (e dei tecnici: pittori, scenografi, costumisti, elettricisti) e Tati si impegna principalmente proprio ad abbattere le barriere tra gli “attori” e gli “spettatori”, mostrandone le reazioni in maniera organizzata, al punto di riuscire a delineare le singole personalità degli spettatori inquadrati. Iniziando, tra l’altro, proprio da se stesso: è subito evidente che non è il signor Hulot sullo schermo, ma Jacques Tati.

“Playtime resterà sempre il mio ultimo film” disse in un’intervista. Sicuramente Playtime è stata l’ultima occasione di poter godere di tempo e budget necessari a tradurre in immagini le sue visioni. Eppure Parade contiene diversi momenti di magia visiva e concettuale che solo un genio spavaldo come Jacques Tati poteva concepire. Il suo film più povero, girato in soli tre giorni, è anche universalmente il meno conosciuto di tutti. Ma basterebbero i suoi numeri da mimo a renderlo imprescindibile.

Il DVD uscito per la Ripley’s Home Video contiene anche En Piste, una video analisi di Stèphane Goudet.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...