Fury. Bluray Universal, steelbook edition


Amore puro, carnale, ricambiato. Il sentimento che legava il carramato al suo equipaggio, macchina e uomini, trascendeva l’infatuazione per diventare assoluto. Nella fase finale della seconda guerra mondiale, quando la follia aveva sconfitto la disperazione e l’orrore rinculava verso Berlino, l’interno dei carri era il posto più confortevole che si potesse desiderare. Un microcosmo d’amore, fatto di fredde lamiere esalanti morte, eppure adorato dai membri dell’equipaggio come un utero materno palpitante. Dopo mesi di convivenza con i carrarmati, anche David Ayer, il regista di Fury, ha compreso la ragione di tali sentimenti: “quei cosi hanno un’anima”.

A quei tempi, milioni d’anni prima dell’American Sniper e della confusione ideologica, tutto era molto più semplice e dicotomico, i buoni contro i cattivi. Dentro il carro i fratelli Yankee, uniti da un legame pretercameratesco, inglorius basterds come ergastolani compagni di cella del più asfittico dei prison-movie. Un branco di feti, in attesa di venire alla luce della sopravvivenza o della morte. Fuori dal carro l’Apocalisse, e loro dentro, acquattati nel carro immoto mentre un nazista zombie su bianco destriero calpestava cadaveri in un campo di battaglia. Questa sporca guerra era un punto di vista, se la guardavi attraverso il periscopio di un tank (il mirino di un cecchino?) sembrava film di genere mutante, western, home invasion, sci-fi.

Per Ayer la storia da raccontare, semplice e tradizionale, conta poco. La sua opera è composta di archetipi classicissimi, rappresentati però alla grandissima (ed è splendidamente riuscito l’innesto della coming of age – anch’essa classica che più classica non si può – del pivello Norman, il giovane sensibile, dentro l’infuriare delle battaglie). Striscia sul terreno, si immerge nel fango e schizza sangue dappertutto, fa saltare teste e pezzi di faccia. Si permette anche di uscire dal tracciato, quando mette allo stesso tavolo due soldati americani e due donne tedesche, incapaci di comunicare verbalmente, ma costretti, sia pur con motivazioni diverse, ad una intimità assemblata e maldestra, una cena che ha del cronenberghiano ed è paradossalmente – lontana dai carrarmati e dalle battaglie – la scena più intensa del film.

Brad “Wardaddy” Pitt, cuore e intelletto del carrarmato nel carrarmato, rimarrà nella nostra testa più a lungo degli ammassi di cadaveri buttati nelle fosse comuni. Lui, John Wayne che se ne fotte delle ragioni della guerra, con l’unica vera missione di riportare a casa il suo culo e quello dei suoi uomini, e per questo deve uccidere, e uccidere il più e il meglio possibile (Chris Kyle?). Perchè in guerra gli eroi non sono mai esistiti, al cinema si: e Brad Pitt è uno dei nostri eroi. Quel tipo di eroi che vanno incontro a morte certa a testa alta e con i capelli gelatinati.

I collezionisti di steelbook edition non possono lasciarsi scappare l’edizione limitata, che contiene anche quasi due ore di contenuti speciali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...