Grimm, la stagione 5 in dvd Universal


I ventidue episodi della quinta stagione di questa moderna fiaba televisiva  allontanano l’ipotesi di un happy ending vicino, per il quale ci sarà da sudare parecchio. E a sudare sarà sempre Nick Burkhardt (David Giuntoli), supportato dalla sua gang. La vita di Nick è cambiata, molto cambiata, dopo la decapitazione di sua madre e la morte di Juliette. Il giovane detective di Portland, ricordiamolo, non è solo un giovane detective: è l’ultimo discendente dei Grimm, una stirpe di cacciatori di mostri, dotato di superpoteri. E’ in grado di “vedere” il lato oscuro delle persone che incrocia, e quindi di scovare le bestie selvagge, ovvero le creature soprannaturali note come Wesen.

Continua a leggere

Annunci

Il Diamante Bianco, DVD per Ripley’s home video


Gli avventurieri protagonisti di Aguirre e Fitzcarraldo, entrambi con il volto di Klaus Kinski, hanno qualcosa in comune con il dottor Graham Dorrington, docente di ingegneria aerospaziale che ha realizzato un pallone aerostatico con cui intende sorvolare la foresta pluviale della Guyana. Herzog riprende le varie fasi della missione, in un viaggio ricco di insidie e bellezze mozzafiato. Cosa lega questi personaggi? Sicuramente un’attrazione – pericolosa ma irresistibile – per la natura incontaminata. E altrettanto sicuramente sono tutti, almeno in parte, alter ego di Werner Herzog.

Continua a leggere

Nessuna Festa Per La Morte Del Cane Di Satana, in DVD Ripley’s home video


“Ciò che differenzia i pagani da noi è che, all’origine di tutte le loro credenze, vi è un terribile sforzo per non pensare da uomini, per conservare il contatto con l’intera creazione, ovverossia con la divinità”. Sono le parole di Antonin Artaud in sovrimpressione che aprono il film, realizzato da Fassbinder nel 1976. Una mostra delle atrocità ipercinetica, con i ritmi di una sit-com in acido, e diretta con piglio da direttore d’orchestra.

Continua a leggere

M.D.C. Maschera Di Cera, in dvd per Ripley’s home video


Uscito nel 1997, pochi mesi dopo la morte di Lucio Fulci (lo avrebbe diretto lui altrimenti), questo film sembra provenire da un’altra epoca: la golden age del cinema dell’orrore gotico italiano, della quale rappresenta una sorta di coda inattesa e fuori tempo massimo. Dopo M.D.C. il nulla, o quasi. E oltre all’ombra di Fulci, spicca nell’operazione anche il nome di Dario Argento, che ha fatto da supervisore.

Continua a leggere

Koch Media Homevideo, september news


VISIONS  –  bluray

Una giovane coppia si trasferisce in una casa con vigneto, lei aspetta un figlio e sono entrambi pronti ad iniziare la nuova esperienza con entusiasmo e tanta voglia di costruire per la propria famiglia una vita da sogno. Come suggerisce il titolo, però, Eveleigh comincia a vedere e sentire cose che non dovrebbero essere reali: oggetti che si muovono, ombre che si allungano ovunque, rumori terrificanti e le ricorrenti apparizioni di un’inquietante figura incappucciata. E’ la casa a nascondere nella sua storia passata terribili segreti? Ennesimo prodotto targato Blumhouse che prova ancora una volta – e con intelligenza – a mettere in scena variazioni sul tema de la casa maledetta. Disponibile il bluray in limited edition con booklet esclusivo.

Continua a leggere

Mr. Robot, prima stagione in bluray per Universal


Mr. Robot è la storia di Elliot (Rami Malek, promessa del cinema già in Una notte al museo, Short Term 12 e soprattutto The Pacific), sociopatico agorafobico bipolare, addetto alla cybersicurezza di giorno ed hacker giustiziere di notte. Camicia da mormone al lavoro (vincolo di dress code), nel tempo libero incappucciato come Eminem, o come Tom Cruise in Minority Report, Elliot l’antieroe si muove goffo nel mondo reale ma felino nel mondo virtuale, piccolo Grande Fratello che ruba identità segrete, password, permessi di accesso, dati morbosi pruriginosi inconfessabili.

Continua a leggere

T2 Trainspotting, bluray Universal


La sceneggiatura di T2 è firmata da John Hodge, che quindi è invecchiato di 20 anni come me e come i protagonisti. E si vede. Conta solo il passato nelle vite dei quattro balordi, che fanno cose e vedono gente soltanto perchè non sono ancora morti. Ognuno di loro è consapevole di vivere una vita di merda, ed è una consapevolezza che fa incazzare ancora di più (Begbie), che spinge a tornare sui luoghi della gioventù (Mark), o a pippare coca e ricattare i clienti di una prostituta fingendo di credere che a contare siano solo i soldi (Sick Boy) o più lucidamente a tentare di farla finita (Spud).

 

 

Continua a leggere