Buybust, roba da Matti. Erik Matti


Rodrigo Duterte, presidente delle Filippine, si porta dietro un soprannome rassicurante, sin da quando era solo sindaco: The Punisher. Un personaggio da crime story, una specie di super bad guy rossobruno, che oscilla tra il nazismo e la necessità di una approfondita perizia psichiatrica. Se volete conoscerlo meglio sapete cosa fare. Qui e ora, del presidente (che comunque meriterebbe un posto nel reparto che dovrebbe ospitare Trump, Salvinidimaio, Bolosonaro e compagnia brutta) ci interessa esclusivamente la War On Drug: due anni abbondanti di omicidi, ben più dei 12.000 denunciati quest’anno dall’Osservatorio sui Diritti Umani, di “sospetti” trafficanti e semplici consumatori. Quasi tutti poveri, abitanti delle periferie, nati vissuti e morti ai margini. Nessun poliziotto pare sia stato ancora condannato per queste esecuzioni. E poi minacce, arresti, attacchi frontali contro avvocati, militanti di sinistra, associazioni pro-diritti umani eccetera eccetera.

Continua a leggere