Baskin, la polizia turca contro le forze del Male


ACAB, All Cops Are Bastard, specie quando si parla di poliziotti turchi. Ma un regista sovversivo, incoraggiato da un produttore sadico, può essere molto, molto più bastardo. Parliamo di uno dei migliori film del 2016 e l’idea di usare i piedipiatti come vittime sacrificali, ancorché ovetto di Colombo, potrebbe aprire la strada ad un nuovo fertilissimo sottogenere, il Police-Tortured-Porn, con annesso spasso catartico. Baskin, il film rivelazione di Can Evrenol.

vlcsnap-2016-04-15-12h39m29s146

Continua a leggere qui.

 

Annunci

The Green Inferno. Tributo a Eli Roth


Il solo titolo ha scoperchiato le tombe e gli ha aizzato contro i critici morti viventi di questo e quell’altro mondo. Il solo film ha collezionato più accuse ed offese di tutti gli Ozpetek e i Muccino messi insieme. La sola locandina ha scatenato la furia delle erinni da tastiera, su questo o quell’altro quotidiano nazionale. Lo hanno maledetto in tutti i modi conosciuti: in quest’epoca di pazzi ci mancavano gli idioti dell’orrore; credo che se fossero rapiti dall’Isis e vedessero il vero orrore, la smetterebbero di fare questi film per deviati; vietiamoli per legge; mandate il regista nelle zone di guerra; il vero orrore è la guerra non ste cazzate; è inquietante ci siano persone a cui piace il genere; meglio trombare che vedere queste cose per mentecatti; non ha senso fare questi orribili film di orrore. Mi fermo qui, ci sono motivazioni a sufficienza perché dikotomiko intervenga, sia lode e gloria a Eli Roth, sia lode e gloria a The Green Inferno.

the green inferno

Continua a leggere

Cannibal Holocaust. Welcome to our Green Inferno


Omega. Omertà. Omissis. La recensione che segue è di quelle definitive, cioè siamo noi che facciamo i conti con i nostri padri, e siccome parliamo di gente degenere, rinnegata, negletta, vituperata, sento il dovere amorale di avvertirvi: le parole che seguono potrebbero urtare la vostra sopita sensibilità, decidete adesso se continuare o meno la lettura, perché oggi non è un giorno qualsiasi, oggi è quel giorno in cui dikotomiko parlò di Cannibal Holocaust.

cannibal holocaust poster

Continua a leggere

Apocalypse Pov


Buongiorno Fratelli e Sorelle, oggi parliamo dell’immersionismo, un modo di fare giornalismo che consiste nel raccontare le notizie per esperienza diretta, si documenta cioè l’accadente, in chiara contrapposizione con il giornalismo di inchiesta di matrice anglosassone, terzo e distaccato. Amo l’immersionismo, odio ogni cronaca postuma di per sè revisionista. L’immersionismo, vero, ben si presta alle storie di cinema, false: da quella maledetta strega di Blair in poi, è tutto un fiorire di falsi documentari, di POV, di found footage, in cui l’occhio che guarda è protagonista dell’azione, e noi con lui.

Therefore, I urge you,
brothers and sisters,
in view of God’s mercy,
to offer your bodies as a living sacrifice,
holy and pleasing to God.
This is your true and proper worship.
(Romans 12:1)

vlcsnap-2014-05-06-17h13m40s10

Continua a leggere

Tel Aviv, Tel Amort


Ha-shoter (Policeman)

Nadav Lapid

2011

Policeman è un film Israeliano lontanissimo dal cinema didascalico e manieristico che ha Amos Gitai come portabandiera nazionale. E’ la guerra, certo, la protagonista. Ma non quella contro i Palestinesi, qui la guerra è guerra di classe. Pervasa da una straniante freddezza Bressoniana che rende arduo il coinvolgimento emotivo dello spettatore, è un’opera divisa chirurgicamente in due.

most beautiful

Continua a leggere