Hail, Caesar! aka Hail, Mel Brooks! di Joel ed Ethan Coen


Il cinema è prima di tutto intrattenimento, per chi vi scrive. Ciò non va preso alla lettera, il cinema non è un modo generico per ingannare il tempo, perché altrimenti avrebbero ragione quei soggetti, e sono tantissimi, che asseriscono di andarci per spegnere il cervello e non pensare, quasi cercassero un break comatoso al tedio insostenibile delle loro vite. No. Intrattenimento vuol dire un modo piacevole per occupare il proprio tempo, con interesse e soddisfazione. Una dizione più ampia, onnicomprensiva del cinema più propriamente commerciale ed anche di quello autoriale, relativizzata al gusto di ciascuno. Vero è anche che Hollywood, prima ancora che fabbrica dei sogni, sia stata e sia ancora industria del cinema come intrattenimento, mirata ad un pubblico di massa dalla scolarità incerta, così come innegabile è che i Coen, alle prese con la Hollywood degli anni 50, abbiano realizzato un grande film di intrattenimento popolare. Hail, Caesar!

Hail-Caesar-600x743

Continua a leggere

Annunci

Sicario, di Denis Villeneuve


Diciannove anni fa mi trovavo a Roma, nella sede direzionale di un prestigioso istituto di credito, per la prima lezione di un master avanzato in finanza internazionale. Il professore era un docente universitario, piemontese ascendente pugliese, liberale, liberista e progressista, con un’ostilità congenita al fariseismo ed alle mezze misure. Nello stupore generale, costui cominciò a parlare delle lobby finanziarie più potenti del pianeta, sciorinando una serie di slide in cui comparivano foto e organigrammi dei board, in modo che noi, poveri ignari guasconi post lauream, vedessimo la presenza in proporzione costante degli italo-americani, degli ebrei, dei sudamericani, degli arabi ivi elencati. Analizzando la composizione di queste organizzazioni legali e yes profit, diceva, si può risalire alle organizzazioni criminali che le generano e che detengono l’economia mondiale, e questo perché nel crimine non vale il principio della competizione, ma della cooperazione, tutti devono avere una fetta di torta, win win no war. Che fosse subdolamente razzista, evoluzionisticamente lombrosiano o illuminato non so, fatto sta che questo professore cambiò per sempre il mio modo di vedere le cose. Sicario, di Denis Villeneuve.

sicario_1
Continua a leggere

Paul Thomas Anderson, il regista privo di Vizio Di Forma


Un giro di basso che si sposta di continuo da una parte all’altra, e la batteria che zoppica e inciampa, cade e si rialza. I due strumenti si aggrovigliano e si allontanano, si intrecciano e si staccano, creando una base ritmica geniale e inquietante. E su quella base, la voce nervosa di Damo Suzuki si lamenta, strozzata: “Hey you! You are losing, you are losing, you are losing, your vitamin C!”. Psichedelia, angoscia e paranoia, ma al ritmo di un groove pazzesco: niente poteva aprire meglio di Vitamin C dei Can, una delle loro canzoni più “pop”, l’adattamento che Paul Thomas Anderson ha realizzato del romanzo più “pop” di Thomas Pynchon.

inherent-vice

Continua a leggere

Kate Winslet, British Beauty


Little Children

Todd Field

2006.

 

Labor Day

Jason Reitman

2013.

 

Due film al prezzo di uno, in tempi di crisi bisogna risparmiare anche sui post. Ma no, è che sono due titoli che hanno importantissimi elementi in comune: entrambi iniziano con la lettera L e sono composti da due parole. Inoltre, nota fondamentale, io li ho visti uno di seguito all’altro. Ragioni più che sufficienti, insieme naturalmente alla spending review, per obbligarli a coesistere sotto lo stesso tetto/post. Continua a leggere

Spikie, what’s wrong with u ?


Oldboy

Spike Lee

2013 .

Mesi fa mi sono inciampati gli occhi in una intervista a Josh Brolin, al quale si chiedeva se avesse timore dei commenti rabbiosi dei fan di Park Chan Wook, tutti incazzati a morte per l’oltraggiosa decisione di remakeizzare Oldboy, e per quella ancora più oltraggiosa di scegliere lui come protagonista. Josh rispondeva qualcosa tipo: che cazzo me ne frega di quattro sfigati segaioli che passano tutta la giornata su internet a scrivere puttanate.

vlcsnap-2014-02-19-09h58m09s83

(Bravo Josh! Digliene quattro! E’ ora di finirla con questo settarismo integralista, sono un branco di nerds frustrati, si arrogano il diritto di appropriarsi delle opere di altri, le adottano, le rendono feticci, e magari si sparano le seghe mentre rivedono in loop le scene più violente o quelle che definiscono “cult”.)

Da quel giorno, aspettavo di vedere il film di Spike Lee per sfogare la mia frustrazione di sfigato segaiolo che passa le giornate su internet a scrivere puttanate: sbavavo dalla voglia di ricoprire di insulti Spike, Josh e compagnia bella e bollare Oldboy come fallimento, boiata, film miseramente inutile.

Adesso che l’ho visto, ecco…

Sono costretto a scrivere che

vlcsnap-2014-02-19-10h01m07s74

E’ PROPRIO COSI’! HURRA’! AHAHAHAHAHAHAH!!

Torniamo indietro, riavvolgiamo il nastro e fermiamoci al 2004. Momento indimenticabile, quando i miei occhi sono stati invasi dal capolavoro del maestro, quando i miei sensi sono stati talmente scossi dalla visione da sentire la necessità fisica di rivederlo dopo poche ore. E ancora la terza volta dopo pochi giorni. E ancora. E ancora.

Abbagliato da tanta magniloquenza, dal genio estremo di Park, dalla follia anarchica di una vicenda che, tratta da un manga, diventava magia in carne e ossa senza perdere un grammo della libertà espressiva del fumetto. Un’opera che mi obbligava a stordirmi per seguire traiettorie impossibili, che mi paralizzava, e che devo rivedere ancora una volta, subito. Perchè sento il bisogno di rimettere le cose al loro posto.

Cattura21

Se il film coreano non fosse mai esistito, quello di Spike Lee  sarebbe stato un thriller  girato con mestiere,  ma con una sceneggiatura contorta, eccessi pulp inutili e personaggi poco credibili. Su tutti Joe Doucett/Josh Brolin, ovviamente: una specie di Capitan America in borghese, stronzo alcolizzato che si redime e ripulisce GRAZIE al ventennio di prigionia (amen); un villain aristocratico dai tratti fumettistici caricaturali, facilmente collocabile in qualsiasi adattamento Marvel e con la faccia schizzinosa di Sharlto Copley; Elizabeth Olsen, sempre sia lodata e desiderata, che risulta invece perfetta nel ruolo della cuoricina generosa e disponibile a soccorrere chiunque.

 
vlcsnap-2014-02-19-10h16m12s152
 

Joe/Josh passa 20 anni segregato in una dignitosissima stanza d’albergo, e l’unico segno del tempo sul suo corpo è la perdita di peso e pancia: il suo aspetto, peso a parte, è identico a quello che aveva al principio del suo soggiorno obbligato. Suggerirei quindi di brevettare la formula come dieta efficace, oltre che come metodo di purificazione spirituale e mentale. Nei depliants pubblicitari, comunque, non dimenticate di scrivere in piccolo, in fondo in fondo, che il metodo funziona solo ad Hollywood.

vlcsnap-2014-02-19-10h19m45s13

Sullo schermo della tv in camera di  Joe/Josh scorrono (oltre alle immagini create solo per i suoi occhi) programmi di aerobica e ginnastica, vecchi film, e lo scorrere del tempo è evidenziato dai volti dei presidenti U.S.A. che si susseguono: Bush, Clinton e… indovinate un po’ qual’è il volto che appare quando Joe inizia il suo improvviso piano di recupero forma e lucidità mentale? ESATTO, Obama! Yeah mothafukka, this is the message!

Ma.

Ma il film di Park Chan Wook esiste. Il confronto inevitabile rende il mediocre thriller di Spike Lee qualcosa di assolutamente, profondamente, totalmente, inutile e ridicolo.

I volti e le atroci sofferenze dell’istrionico Choi Min Sik e del personaggio forse più commovente del secolo impersonato da Yoo Ji Tae, gli abissi emotivi raggiunti dai due e dalla regia maestosa, l’apparente disordine nel racconto che va avanti a sussulti, in definitiva ogni fotogramma dell’opera coreana rendono insensata la fatica di Spike.

E si, Spike cita e omaggia: la lingua, il martello, la scena di battaglia: anche quest’ultima, stilisticamente notevole, perde il suo probabile senso perchè inserita in un contesto da “thriller istituzionale”.

vlcsnap-2014-02-19-10h26m21s119

Oltre a citare, utilizza la vicenda per stigmatizzare l’invadenza dei media nella società e la pericolosa propensione a credere a qualsiasi cosa venga trasmessa in tv: era ora che qualcuno denunciasse tutto questo! Ahahahah!

Ah, un’ultima cosa: Joe Doucett deve ringraziare Spike Lee e lo sceneggiatore Mark Protosevich che hanno evitato di tradurre i ravioli in hamburger. Se l’avessero fatto, Joe sarebbe morto nella stanza d’albergo ben prima della scadenza ventennale.

 

[Post also available here]

 

Ci pensi ogni tanto alle rane?


magnolia_frogs

Paul Thomas Anderson

Phil Parma è l’infermiere che assiste un malato terminale. Phil è una persona sola, buona, e sulle sue sincere lacrime versate al capezzale del vecchio morente, partono le prime note di pianoforte di Wise up.

Siamo nel bel mezzo di una sequenza-chiave del film, e quello che Paul Thomas Anderson ci mette sotto gli occhi è un vero e proprio videoclip. Integrale, con tutti i personaggi che cantano, immersi nelle loro crisi esistenziali ed aggrappati a speranze sottili, sottilissime, già spezzate o sul punto di spezzarsi. Ma cantano. Continua a leggere