Ken il guerriero


Nella hall di Jimmy si balla, si ascolta musica, si insegna a cucire e a tirare di boxe, e si parla di politica. Gratis. La hall, che era un’edificio abbandonato, è stata riportata in vita dai suoi stessi frequentatori, è aperta a tutti ed è malvista da padroni, dai fascisti e dalla chiesa. E dall’IRA. Vi ricorda qualcosa? Esatto, la hall di Jimmy è praticamente un centro sociale occupato ed autogestito, in Irlanda. Poco meno di cento anni fa.

locandina

Jimmy ha il volto di Barry Ward, splendidamente timido e schivo nonostante il carisma che emana. Superlativa la prova di Jim Norton, la perfetta nemesi, il volto severo di Padre Sheridan, il prete reazionario e inflessibile, che ci tiene a mostrare in pubblico il rispetto per il suo avversario, ma solo dopo averlo sconfitto.

jimmyy

Invecchiano tutti, ma proprio tutti. Anche il compagno Ken Loach, arrivato al 77esimo compleanno e al suo presunto film di addio. Ripensaci, Ken. Chi altro ci può mostrare un gruppo di proletarie e proletari seduti in circolo a discutere dell’effetto che ha su di loro una poesia di Yeats?  Lo stesso gruppo capace di ballare al ritmo nuovo della musica del demonio, il jazz che Jimmy Gralton ha portato con sè dagli Stati Uniti, insieme ad un preziosissimo grammofono.

prevt

Chi, se non Ken Loach, può ricordare al mondo che nel 1932 a Belfast lavoratori cattolici e protestanti, insieme, si ribellarono e lottarono per i loro diritti? Il potere dovette sudare sette camicie per rompere quella pericolosissima unione della working class e tornare alla rassicurante guerra di religione, l’equivalente di un quinto asso nella manica buono per tutte le stagioni. L’accenno a quell’episodio, nei cinema di Belfast, ha provocato diversi applausi spontanei.

Jimmy's Hall, film

Applausi ai quali ci uniamo con entusiasmo e occhi lucidi, perchè il ruolo di Ken Loach, fosse anche solo quello di divulgare e ricordare episodi storici nascosti e importantissimi per il popolo e quel che resta della classe operaia, è un ruolo fondamentale.

Molti hanno scritto di Jimmy’s Hall evidenziando una semplicistica divisione tra buoni (i lavoratori, i comunisti, le vittime di soprusi e abusi) e cattivi (la chiesa, i padroni, i fascisti, la reazionaria I.R.A. troppo amica dei preti). Proprio quello che piace a noi: o di qua o di là. Le sfumature, le tonalità di grigio, i conflitti interiori e i quesiti esistenziali non sono ammessi, qui in Irlanda nel 1932.  Non c’è tempo. Qui c’è da lottare, latitare, manifestare e ballare, amare e studiare. Sempre dalla parte giusta.

FRANCE-FILM-FESTIVAL-CANNES

 Jimmy’s Hall

Ken Loach

2014

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...